difiore

L’odore del SANGUE

Asilo

un racconto di Giordano Di Fiore

Sangue, sangue, ancora sangue. Dalla finestra della stazione meteorologica di Caleb-Athan, dove ci siamo rifugiati per sfuggire alle bombe ed agli attentati, non si riesce a distinguere più nulla.

Soltanto un gran polverone, e l’odore acre del sangue rappreso, che prende allo stomaco, senza possibilità di soluzione: siamo qua da tre mesi, e non mi riesco ancora ad abituare.

View original post 1.287 altre parole


Leave a comment

    Add comment